Get Adobe Flash player
Home Lo statuto

Lo Statuto

REGOLAMENTO INTERNO
ASSOCIAZIONE PRO LOCO SAN COSTANTINO CALABRO

Art. 1 – La convocazione dell’Assemblea ordinaria e straordinaria è diramata dal Presidente dell’Associazione, che la presiede, con avviso affisso nella sede dell’Associazione e all’albo Pretorio del Comune e nei luoghi di maggiore frequenza dei soci, almeno 5 giorni prima della riunione. 

Art. 2 – All’Assemblea possono partecipare tutti i soci in regola con il versamento delle quote sociali annue; hanno diritto di voto o all'eventuale candidatura per il direttivo i soci che sono iscritti da minimo un anno all’Associazione e sono in regola con i versamenti dell’anno precedente e con quelli effettuati entro il 28 febbraio dell’anno in cui si tiene l’Assemblea stessa. 

Art. 3 – Per il rinnovo delle cariche sociali o per altro tipo di votazione riguardante persone, l’Assemblea costituisce l’Ufficio di presidenza, composto da un presidente e da due scrutatori, di cui uno con funzioni di segretariato verbalizzante, scelti fra gli aventi diritto al voto. Il dibattito deve essere regolamentato dal Presidente dell’Assemblea, sia in ordine agli interventi che alla determinazione dei tempi massimi di essi. 
Sono consentite sino a due deleghe, la cui autenticità viene garantita con la firma del socio delegato. 

Art. 4 – L’Assemblea procede alle votazioni di competenza a scrutinio segreto. Nel caso di elezioni di organi sociali, l’avente diritto di voto non può esprimere un numero di preferenze superiore alla metà più uno dei seggi da assegnare. Ogni candidato deve sottoscrivere la propria candidatura, che deve essere consegnata all’Ufficio di Presidenza almeno due ore prima delle operazioni di voto, salvo diversa determinazione dell’Assemblea. Risultano eletti i candidati che abbiamo riportato più preferenze; ; in caso di parità, prevale l’anzianità di iscrizione alla Pro-Loco; in caso di ulteriore parità, si procede per sorteggio. 
· Possono essere candidati alle cariche sociali tutti i soci aventi diritto di voto ed in regola con il versamento delle quote sociali annue; 
Art. 5 - Il socio eletto nelle cariche sociali conserva le sue prerogative sino al termine del mandato previsto, sempre che non incorre in uno dei motivi previsti dall’ Art. 11 dello statuto. 

Art. 6 – Il Consiglio d’Amministrazione viene eletto secondo quanto previsto dall’art. 11 c. 1 dello Statuto; In caso di vacanza di membri nel Consiglio, sino alla metà dei componenti, il Consiglio stesso procede ad una loro surroga, previa ratifica da parte dell’assemblea, con i candidati che abbiano ottenuto più suffragi tra i non eletti; in caso di parità, prevale l’anzianità di iscrizione alla Pro-Loco; in caso di ulteriore parità, si procede per sorteggio. Qualora non vi sia possibile reperire candidati fra i non eletti, si procede a nuove elezioni per il numero dei consiglieri mancanti. 

Art. 7 – Il Consigliere di Amministrazione, che risulti assente per tre sedute consecutive, senza gravi e giustificati motivi, da certificare per iscritto, viene, con delibera del Consiglio d’amministrazione, dichiarato decaduto e sostituito con le modalità previste dall’art. 6 del presente Regolamento. 

Art. 8 – Tutte le votazioni devono essere effettuate a scrutinio segreto mediante schede vidimate dal Presidente del Seggio. Sulle schede si può indicare nome e cognome del candidato, o il numero eventuale di corrispondenza. Cancellazioni, aggiunte o segni di qualsiasi genere, invalidano la scheda interessata. Ogni elettore può esprimere un numero massimo di preferenze rispondente alla metà più uno dei seggi da assegnare. 

Art. 9 – In caso di decadenza o di dimissioni nel corso del mandato, il Consiglio procede alla loro surroga; nel caso in cui i membri da surrogare superino la metà dei componenti l’organismo di appartenenza, si deve procedere alla elezione ex novo di tutti i componenti dell’organismo interessato, da effettuare entro e non oltre i 30 giorni dalla presa d’atto del consiglio. 

Art. 10 – La convocazione del Consiglio d’Amministrazione avviene con avviso affisso nella sede dell’Associazione e all’albo Pretorio del Comune almeno 7 giorni prima della riunione e/o con lettera prioritaria , telefonicamente, fax o posta elettronica. 

Art. 11 – Il Presidente viene eletto dall’Assemblea ordinaria. 

Art. 12 – L’elezione avviene nel primo scrutinio a maggioranza dei due terzi; nel secondo scrutinio a maggioranza con la metà più uno dei voti espressi; successivamente, per ballottaggio fra i due candidati che abbiano riportato il maggior numero di voti. 

Art. 13 – Al presidente o suo delegato viene riconosciuto a carico della Pro-Loco: 
a) il rimborso delle spese sostenute per partecipare a manifestazioni, convegni, assemblee Provinciali, Regionali e Nazionali, debitamente documentate. 

Art. 14 – Per eccezionali meriti acquisiti in attività a favore delle Pro Loco, il Consiglio può conferire l’alto riconoscimento di Presidente onorario della Pro Loco. 
Il presidente onorario partecipa, senza diritto di voto, alle riunioni dell’Assemblea e del Consiglio . 

Art. 15 – Il Presidente onorario ha la facoltà di assistere ai lavori del Consiglio, senza diritto di voto. Può ricevere dal Consiglio compiti di rappresentanza. 

Art. 16 – Il presente Regolamento può essere modificato tutto o in parte con inserimento all’ordine del giorno e a maggioranza assoluta dei presenti, con delibera del Consiglio di Amministrazione, purché non in contrasto con le norme statutarie o del Codice Civile. 
Diventa esecutivo dopo la ratifica da parte dell’Assemblea. 

Approvato dall’assemblea dei soci nella seduta del 5 marzo ’04

 

Pitta Chjina 2016

6 agosto 2016

Immagini

  • Proloco in Festa
  • Pitta Chjina 2010
  • Festa dei Bambini 2012
  • Sagra da Pitta Chjina 2012
  • Sagra da Pitta Chjina 2012